Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
AASLD
EASL 2017
Gastroenterologia Xagena

Eventi avversi associati con regimi terapeutici per la malattia di Crohn da moderata a grave


L’obiettivo dello studio è stato quello di esaminare se il trattamento con steroidi, immunosoppressori e farmaci anti-TNF fosse associato a un aumento del rischio di eventi avversi in pazienti con malattia di Crohn.

Lo studio ha analizzato i dati provenienti da pazienti con malattia di Crohn e da controlli senza la malattia e con assicurazione privata ( 2002-2005 ).

I pazienti sono stati classificati in base al trattamento con steroidi, immunosoppressori e farmaci anti-TNF, combinazioni di due o tre, e nessuno di questi farmaci.

Nel corso del periodo di follow-up gli eventi avversi nei pazienti con malattia di Crohn e nei controlli sono stati confrontati nelle diverse categorie di trattamento e sono stati presentati come hazard ratio ( HR ).
Tra i pazienti con malattia di Crohn, un’analisi secondaria ha valutato la relazione tra terapie ed esiti.

Sono stati identificati 22.310 pazienti con malattia di Crohn ( 8.581 casi di coorte longitudinale ) e 111.550 controlli.

Rispetto ai controlli, i pazienti con malattia di Crohn hanno mostrato un più alto rischio ( rate ratio ) per tutti gli eventi pre-specificati.

Nel sottogruppo di pazienti con malattia di Crohn, la monoterapia con steroidi, immunosoppressori o agenti anti-TNF è risultata associata a un aumentato rischio di tubercolosi ( HR=2.7 ), candidiasi ( HR=2.7 ), herpes zoster ( HR=1.7 ), sepsi ( HR=1.3 ), condizioni di demielinizzazione ( HR=3.2 ) e displasia cervicale ( HR=1.5 ) rispetto ai pazienti non sottoposti a tali trattamenti.

L’uso di due o tre di questi farmaci ha ulteriormente aumentato questi rischi: tubercolosi ( HR=7.4 ), candidiasi ( HR=3.8 ), herpes zoster ( HR=3.7 ), sepsi ( HR=1.6 ) e displasia cervicale ( HR=1.8 ).

In conclusione, il trattamento con steroidi, immunosoppressori o farmaci anti-TNF, da soli e in combinazione, nei pazienti con malattia di Crohn è associato a un aumento dei rischi di infezioni, disturbi demielinizzanti e displasia cervicale. ( Xagena2009 )

Marehbian J et al, Am J Gastroenterol 2009; 104: 2524-2533


Gastro2009 Farma2009


Indietro