Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetti dell'impiego preoperatorio degli agenti biologici sugli esiti operatori nei pazienti affetti da malattia di Crohn


Sebbene gli effetti degli agenti biologici sugli esiti postoperatori nei pazienti con malattia di Crohn siano stati ampiamente studiati, gli effetti sugli esiti intraoperatori, tra cui la perdita di sangue, il tempo operatorio e la lunghezza della resezione dell'intestino tenue, devono ancora essere determinati.
Uno studio di coorte retrospettivo in un unico Centro di riferimento terziario ha cercato di offrire informazioni su questi endpoint.

Sono stati identificati i pazienti affetti da malattia di Crohn sottoposti a chirurgia addominale maggiore, e i pazienti trattati con agenti biologici in setting preoperatorio sono stati confrontati con i controlli.

Sono stati inclusi un totale di 144 pazienti sottoposti a chirurgia addominale maggiore presso l'Università della Florida ( Stati Uniti ) nel periodo 2007-2017.

Centodieci pazienti ( 76% ) che hanno ricevuto la terapia biologica preoperatoria sono stati confrontati con 34 controlli.

All'analisi univariata, l'uso del farmaco biologico in ambiente preoperatorio è risultato associato a una significativamente minore lunghezza di resezione dell'intestino tenue ( 21.2 cm nel gruppo biologico contro 34.5 cm, P = 0.01 ).

Non sono state osservate differenze significative nella perdita ematica intraoperatoria ( 100 vs 87.5 mL, P = 0.40 ) o tempo operatorio totale ( 142 vs 154 minuti, P = 0.39 ) tra i gruppi.

All'analisi multivariata che controlla le variabili che riflettono la gravità della malattia e la malnutrizione, l'uso dei farmaci biologici è rimasto significativamente associato alla minore lunghezza di resezione intestinale ( rapporto di frequenza incidente 0.58, P = 0.04 ).

L'uso del farmaco biologico preoperatorio è risultato associato a una lunghezza significativamente più breve della resezione intestinale nei pazienti con malattia di Crohn sottoposti a chirurgia addominale maggiore.
Non sono stati rilevati effetti negativi sulla perdita di sangue durante l'intervento chirurgico o sul tempo operativo totale.
I risultati dello studio hanno consentito una migliore pianificazione preoperatoria per i chirurghi e un processo decisionale informato per i pazienti con malattia di Crohn sottoposti a chirurgia addominale maggiore. ( Xagena2018 )

Kamel AY et al, Am Surg 2018; 84: 1526-1530

Gastro2018 Chiru2018 Farma2018


Indietro