Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Malattia di Crohn: efficacia e sicurezza nel lungo periodo di Ustekinumab durante il secondo anno di terapia


Ustekinumab ( Stelara ) è un anticorpo monoclonale completamente umano che si lega specificamente alla subunità proteica p40 condivisa dalle citochine IL-12 e IL-23, approvato per la malattia di Crohn da moderata a grave.
Negli studi di fase 3 i pazienti sono entrati nella fase di estensione di lungo periodo dopo aver completato 8 settimane di induzione e 44 settimane di trattamento di mantenimento.

E' stata riportata l'efficacia fino a 92 settimane e la sicurezza per 96 settimane dello studio di mantenimento IM-UNITI.

Pazienti dello studio UNITI-1 ( fallimento degli antagonisti del TNF ) e dello studio UNITI-2 ( fallimento della terapia convenzionale ) ( n = 1281 ) sono entrati in IM-UNITI.
397 soggetti responder alla terapia di induzione con Ustekinumab per via endovenosa sono stati randomizzati a Ustekinumab 90 mg per via sottocutanea ogni 12 settimane, a Ustekinumab ogni 8 settimane, oppure a placebo, mentre 884 pazienti non sono stati randomizzati.
L'aggiustamento della dose a 90 mg ogni 8 settimane si è verificato nei pazienti randomizzati a 90 mg ogni 12 settimane e nei pazienti placebo con perdita di risposta ( settimane 8-32 ).
Tutti coloro che hanno completato il trattamento a 44 settimane potevano entrare nella fase di estensione a lungo termine senza ulteriori aggiustamenti della dose.
I pazienti placebo hanno interrotto lo studio.

Un totale di 718 pazienti ( tutti trattati ) sono entrati nell'estensione a lungo termine ( 298 randomizzati e 420 non-randomizzati ). Complessivamente, l'86.5% ( 621/718 ) ha completato la settimana 96.

Le proporzioni di pazienti randomizzati in remissione clinica si sono generalmente mantenute dalla settimana 44 alla settimana 92 nel gruppo Ustekinumab 90 mg ogni 12 settimane ( dal 77.4% al 72.6% ), Ustekinumab 90 mg ogni 8 settimane ( dal 84.1% al 74.4% ) e nei gruppi con precedente aggiustamento della dose ( dal 63.4% al 53.5% ).

Alla settimana 92, le proporzioni dei pazienti in remissione clinica sono state simili nel gruppo Ustekinumab 90 mg ogni 12 settimane e Ustekinumab ogni 8 settimane e nei pazienti con precedente aggiustamento della dose.

Le proporzioni di pazienti in remissione clinica alla settimana 92 ​​per tutti i gruppi trattati ogni 8 settimane ( 64.4% ) e ogni 12 settimane ( 64.3% ) sono risultate inferiori rispetto ai gruppi randomizzati ogni 8 settimane ( 74.4% ) e ogni 12 settimane ( 72.6% ), ma si sono mantenute in modo simile.

Non sono state riscontrate differeze negli eventi di sicurezza ( per 100 pazienti-anno ) tra tutti i pazienti trattati con placebo e con Ustekinumab ( settimana 0-96 ), compresi eventi avversi ( 484.39 vs 447.76 ), eventi avversi gravi ( 19.24 vs 18.82 ) e infezioni gravi ( 4.09 vs 4.02 ).

Non è stato osservato alcun effetto correlato alla dose.

In conclusione, Ustekinumab per via sottocutanea ha mantenuto la risposta clinica e la remissione durante la settimana 92.
Non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza. ( Xagena2018 )

Sandborn WJ et al, Aliment Pharmacol Ther 2018; 48: 65-77

Gastro2018 Chiru2018 Farma2018


Indietro