Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Remissione clinica nei pazienti con malattia di Crohn moderata-grave trattati con Filgotinib


Filgotinib è un inibitore selettivo della Janus chinasi 1 ( JAK1 ), somministrato per via orale una volta al giorno. 
Lo studio FITZROY ha esaminato l'efficacia e la sicurezza di Filgotinib per il trattamento della malattia di Crohn da moderata a grave.

Uno studio di fase 2, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, ha arruolato pazienti provenienti da 52 Centri in 9 Paesi europei. 
Sono stati arruolati pazienti eleggibili di età compresa tra 18 e 75 anni, con una storia documentata di malattia di Crohn ileale, del colon, o ileo-colonica per 3 mesi o più prima dello screening, valutata da colonscopia e sostenuta da istologia, e un punteggio CDAI ( Crohn Disease Activity Index ) durante lo screening tra 220 e 450 inclusi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Filgotinib 200 mg una volta al giorno oppure placebo per 10 settimane.
I pazienti sono stati stratificati secondo precedente esposizione anti-fattore di necrosi tumorale alfa ( anti-TNF-alfa ), concentrazione di proteina C-reattiva allo screening ( 10 mg/l o valore inferiore, oppure superiore a 10 mg/l ), e uso orale di corticosteroidi al basale.

L'endpoint primario era la remissione clinica, definita come punteggio CDAI inferiore a 150 alla settimana 10.

Dopo 10 settimane, i pazienti sono stati assegnati in base allo stato di responder a Filgotinib 100 mg una volta al giorno, Filgotinib 200 mg una volta al giorno, oppure a placebo per un periodo di osservazione della durata di ulteriori 10 settimane.

Tra il 2014 e il 2015, sono stati arruolati 174 pazienti con malattia di Crohn attiva confermata mediante endoscopia ( 130 nel gruppo Filgotinib 200 mg e 44 nel gruppo placebo ). 

Nella popolazione intention-to-treat, 60 su 128 pazienti ( 47% ) trattati con Filgotinib 200 mg hanno raggiunto la remissione clinica alla settimana 10 rispetto a 10 su 44 pazienti ( 23% ) trattati con placebo ( differenza di 24 punti percentuali, P=0.0077 ).

In un'analisi aggregata di tutti i periodi di esposizione a Filgotinib e placebo in 20 settimane, gravi effetti avversi emergenti sono stati riportati in 14 pazienti su 152 ( 9% ) trattati con Filgotinib e in 3 pazienti su 67 ( 4% ) trattati con placebo.

Filgotinib ha indotto remissione clinica significativamente maggiore nei pazienti con malattia di Crohn rispetto al placebo, e ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile. ( Xagena2017 )

Vermeire S et al, Lancet 2017; 389: 266-275

Gastro2017 Farma2017


Indietro